Ogni quanto vanno sostituiti gli asciugamani in bagno?

0

Qualche persona a cui sta particolarmente a cuore l’igiene probabilmente cambierà gli asciugamani del bagno piuttosto di frequente, mentre chi è più sbadato magari non si accorge di continuare ad utilizzare sempre gli stessi per una settimana o addirittura di più.

Al di là delle preferenze e delle abitudini personali, qual è la cadenza corretta – scientificamente parlando – per sostituire le salviette? Se l’è chiesto Philip Tierno, microbiologo e patologo della prestigiosa New York University School of Medicine, che dopo attenti studi è arrivato a una conclusione piuttosto sconcertante: se il tessuto non riesce ad asciugarsi completamente, allora è meglio non usare lo stesso asciugamani per più di tre volte consecutive. Quando invece il tessuto è oggetto di una rapida asciugatura, allora lo si può usare più a lungo, anche se è consigliabile non superare i tre giorni.

Il motivo è che sulla superficie del tessuto finiscono residui di cellule corporee, acqua e microbi che possono trovare condizioni particolarmente favorevoli per moltiplicarsi, grazie anche all’umidità e alle temperature più elevate che di norma caratterizzano i bagni delle nostre case, soprattutto d’inverno.

Di per sé la stragrande maggioranza di questi microbi non rappresenta una minaccia per la salute, poiché si tratta di organismi che vivono normalmente sulla nostra cute. Tuttavia ci sono soggetti sensibili che, entrando a contatto ad esempio con il batterio Staphylococcus aureus, potrebbero avere reazioni avverse come arrossamenti, eczemi o addirittura infezioni. Meglio quindi cambiare gli asciugamani una volta in più, che una volta in meno!

Per fare in modo che gli asciugamani rimangano al sicuro dalle contaminazioni, inoltre, una piccola ma utile soluzione è quella di optare per accessori bagno realizzati in acciaio. Questo materiale, infatti, non è poroso e quindi sulla sua superficie non si possono annidare batteri e altre minacce invisibili; inoltre, l’acciaio presenta il vantaggio di poter essere pulito in modo facile e veloce.

Vasche a idromassaggio, benefici e relax per dormire meglio

0

Ti alzi e prepara la colazione, sistema la casa, pensa alla cena, organizzati per la spesa, e le bollette e l’ufficio e i figli e il cane il gatto e l’elefante che, insomma, se pensi alla giornata che hai davanti potresti già sentirti stanco alle otto e mezza del mattino. E non è finita, perché domani sarà tutto da rifare!

Oltre a questo, l’idromassaggio rilassa il corpo perché i muscoli vengono solleticati dal movimento pulsante e perché la pressione arteriosa subisce una riduzione con il conseguente aumento della fluidità sanguigna. Il relax che ne consegue, quindi, è il primo passo decisivo verso una notte serena e sicuramente più riposante.

Portrait of young woman relaxing in bathtub

E allora come fare per cercare di dormire il meglio possibile per poter affrontare con la giusta forza queste lunghe giornate impegnative? La tisana serale, certamente, ma soprattutto l’idromassaggio: se anche voi siete flagellati da numerosi risvegli notturni oppure soffrite di insonnia potreste trovare un prezioso alleato in questo massaggio idroterapico. Fin dall’antichità il bagno caldo è riconosciuto come un rimedio naturale per curare la propria salute attraverso i benefici dell’acqua, elemento che è in grado di stimolare la produzione degli ormoni che aiutano il corpo a rilassarsi e a ridurre quelli che c’entrano con lo stress.

Ma per far sì che il vostro sonno sia davvero eccellente potreste seguire anche questi piccoli consigli che vogliamo darvi: innanzitutto entrate nella vasca da bagno solo lontano dai pasti e vicino al momento in cui andrete a letto (così la temperatura corporea non subisce un abbassamento e il corpo non ricarica l’energia), e poi abbiate la costanza di rimanerci dai 10 ai 30 minuti al massimo, se è possibile per 3 volte alla settimana.

Un altro trucco consiste nell’utilizzare oli essenziali di ginepro, gelsomino, mandarino o verbena all’interno dell’acqua per aumentare il relax. E poi lo sapevate che l’idromassaggio stimola il metabolismo? Oddio, non è che puoi mangiare due pizze prima di fare un bagno, però tanto meglio!