I vantaggi dei piatti doccia in acrilico

0

Forse non tutti sanno che l’acrilico venne inventato decine e decine di anni fa: tra le prime e più importanti applicazioni vi fu la realizzazione di componenti di veicoli armati utilizzati durante il secondo conflitto mondiale, dal momento che si tratta di un materiale plastico leggero ma resistente.

Oggi si ritrova l’acrilico in una vastissima gamma di prodotti, come ad esempio protezioni di macchinari, visiere di caschi, strumenti musicali, finestre, oblò e persino acquari; e, naturalmente, è un materiale molto utilizzato nei bagni delle nostre case, sotto forma principalmente di piatti doccia.

Questo perché vi sono numerosi benefici nell’utilizzo dell’acrilico: come già detto, è robusto e caratterizzato da un peso ridotto, ma ha anche il vantaggio di poter essere modellato facilmente e a piacimento quando si trova allo stato viscoso. Ciò permette di realizzare piatti doccia in acrilico di ogni forma e dimensione, sia nella tonalità del bianco che di altri colori, tali da adattarsi a qualsiasi esigenza estetica e di interior design.

A differenza della ceramica, materiale tradizionalmente usato sia per le vasche che per i piatti doccia, l’acrilico presenta inoltre il vantaggio di non scheggiarsi in caso di impatto con oggetti solidi: ciò lo rende un’alternativa estremamente sicura nel bagno di casa.

I piatti doccia in acrilico, una soluzione conveniente per il tuo bagno

0

I moderni box e cabine doccia sono commercializzati in una gamma piuttosto ampia di modelli, in cui si riscontrano differenze significative non solo in termini di dimensioni e stile, ma anche di materiali. Ciò riguarda, ad esempio, i piatti doccia, disponibili in differenti materiali la cui scelta deve essere effettuata in modo attento.

I piatti doccia saranno infatti la base su cui appoggeranno i nostri piedi, pertanto occorre scegliere un materiale resistente, durevole e sicuro; ma occorre valutare anche aspetti come l’estetica e il prezzo, naturalmente. Non è possibile stabilire un vincitore assoluto, poiché ogni materiale ha i suoi pro e i suoi contro, ma è bene ricordare che ce n’è uno in particolare che si colloca idealmente ai primi posti della classifica: l’acrilico.

Cos’è l’acrilico?

Con questo termine ci si riferisce ai polimeri termoplastici di origine sintetica contenenti acido acrilico o i suoi derivati (da qui, appunto, il nome del materiale); uno dei più impiegati è il cosiddetto polimetilmetacrilato (PMMA), che trova un largo impiego in numerosi ambiti produttivi tra cui, appunto, i prodotti per il bagno come il classico piatto doccia in acrilico.

Quali sono i vantaggi dell’acrilico?

Mentre un tempo i piatti doccia erano fatti principalmente di materiali “tradizionali”, oggi si tende a usare soprattutto l’acrilico per via dei suoi numerosi vantaggi che così possiamo sintetizzare:

Resistenza

L’acrilico è un materiale robusto e durevole nel tempo, ideale dunque per chi è alla ricerca di un investimento valido nel lungo periodo. Le caratteristiche di resistenza meccanica del materiale lo rendono in grado di sopportare gli urti e di resistere ai graffi e alle scheggiature accidentali.

Leggerezza

Rispetto ad altre tipologie di materiale, l’acrilico è relativamente leggero e ciò significa che risulterà più semplice trasportare il piatto e metterlo in posa.

Costo più accessibile

I piatti doccia in acrilico sono, in genere, più economici rispetto a quelli realizzati con altri materiali, perciò sanno venire incontro alle esigenze di chi vuole allestire in modo funzionale, ma al tempo stesso con spese contenute, il bagno di casa sua.

Comfort a contatto con la pelle

Essendo caratterizzato da una base plastica, l’acrilico a contatto con la pelle crea un minore shock termico e, a parità di temperatura, risulta più confortevole e “caldo”: grazie a esso si ridurrà il fastidio del contatto dei piedi sulla superficie fredda del piatto doccia quando l’acqua calda ha appena iniziato a scorrere.

Facilità di manutenzione

Per la pulizia dell’acrilico non occorrono particolari precauzioni: il materiale è infatti compatibile con l’impiego dei più comuni detergenti per il bagno, a patto che non si usino prodotti aggressivi o sostanze abrasive che potrebbero causare dei graffi.