Piatti doccia a filo pavimento, comodità e design alla portata di tutti

0

Proprio come accade con i capi di abbigliamento che indossiamo, anche l’arredo del bagno è influenzato da sempre nuove tendenze che cambiano col passare degli anni. C’è però un trend che, a quanto pare, non è affatto passeggero e sembra destinato a rimanere: stiamo parlando delle docce con piatto a filo del pavimento, che da alcuni anni a questa parte sono sulla cresta dell’onda a livello di interior design.

Per quale motivo possiamo affermare che questa tipologia di docce non passerà di moda da un giorno all’altro? Semplicemente perché ci sono così tanti vantaggi nell’installare prodotti di questo tipo, che chi sceglie piatti a filo pavimento difficilmente se ne pentirà, essendo questi prodotti capaci di soddisfare le più diverse esigenze sia di oggi che di domani.

Iniziamo dagli aspetti pratici: quando il piatto della doccia si trova allo stesso livello della pavimentazione, oppure sporge solamente di pochi centimetri, si riduce in modo notevole il rischio di inciampo rispetto alle tradizionali basi che, invece, possono avere bordi ben più alti e ingombranti. Installazioni di questo tipo sono perciò ottimali dal punto di vista della sicurezza quando si parla di anziani, bambini e addirittura disabili, che non incontreranno difficoltà particolari entrando e uscendo dalla doccia.

L’assenza degli spessi bordi rialzati che caratterizzano le tradizionali tipologie di piatti doccia significa anche che l’intera superficie interna sarà calpestabile, un aspetto particolarmente vantaggioso quando si parla di installazioni di piccole dimensioni. Inoltre, all’utilizzo di queste specifiche soluzioni è associata una maggior facilità di pulizia.

Anche a livello visivo si nota subito che le docce a filo pavimento hanno una marcia in più: questi modelli incarnano alla perfezione lo stile minimal e lineare che tanto viene apprezzato all’interno dei bagni odierni, e che contribuisce in modo così evidente a far apparire anche le stanze di ridotta metratura più ampie di quanto non siano in realtà.

Rappresentando praticamente un tutt’uno col pavimento, inoltre, il piatto doccia rasoterra potrà essere personalizzato in termini di colori e texture per riprendere le caratteristiche estetiche del pavimento stesso, o per creare un piacevole contrasto con esso, oppure ancora per riprendere lo stesso stile delle pareti della cabina doccia.

Un mix esclusivo di vantaggi di cui potrai beneficiare anche tu nel bagno della tua casa!

Piatti doccia: che forme e dimensioni scegliere?

0

Scegliere di installare nel bagno di casa una doccia è ormai un must per moltissime persone, che la prediligono di gran lunga alla tradizionale vasca: vuoi per preferenze personali, vuoi per le dimensioni della stanza che magari non sono molto ampie, box e cabine doccia rappresentano oggi la soluzione perfetta per un numero crescente di acquirenti.

Già, ma per quale modello optare? Per rispondere a questa domanda occorre innanzitutto valutare quale sia l’effettivo spazio a disposizione: ciò implica, ad esempio, che la scelta migliore in qualche caso possa ricadere su un modello di forma compatta e che ingombri poco, mentre i più fortunati potranno al contrario sbizzarrirsi con docce ampie e di grandi dimensioni.

Ecco qualche consiglio per scegliere le forme e le misure dei piatti doccia per il proprio bagno di casa.

Piatto doccia quadratoPiatti doccia rettangolari

Sono ideali per moltissime tipologie di bagni, soprattutto quando si parla di vani anch’essi di dimensioni rettangolari. Questi modelli di doccia rappresentano un connubio ideale tra spaziosità e ridotto ingombro, e possono essere installati sia in corrispondenza di un angolo che lungo la parete. Tra le dimensioni più diffuse dei piatti doccia troviamo, in particolare:

  • Piatti doccia 100×120
  • Piatti doccia 100×80
  • Piatto doccia 110×70
  • Piatti doccia 100×70
  • Piatti doccia 60×100
  • Piatti doccia 60×90
  • Piatti doccia 90×70

Quando la metratura del bagno lo consente, è possibile installare anche box e cabine con piatti di dimensioni maggiori come ad esempio:

  • Piatto doccia 200×100
  • Piatto doccia 180×80
  • Piatti doccia 170×70
  • Piatti doccia 120×90
  • Piatti doccia 120×80
  • Piatti doccia 120×70
  • Piatti doccia 110×70

Piatto doccia angolarePiatti doccia quadrati e angolari

Perfetti da installare in corrispondenza di un angolo, questi piatti doccia permettono di ottimizzare lo sfruttamento dello spazio presente in molti bagni, soprattutto se non molto grandi.

Mentre i piatti doccia quadrati sono costituiti tutti da lati di identica lunghezza, i modelli angolari possiedono due lati perpendicolari e un terzo curvilineo che li unisce, e presentano un ridotto ingombro proprio per via dell’assenza di uno spigolo vivo nel centro della stanza.

Esistono in commercio diverse varianti di dimensione del piatto doccia angolare e quadrato e, tra le più richieste e diffuse, ricordiamo in particolare:

A voi la scelta!

I piatti doccia in acrilico, una soluzione conveniente per il tuo bagno

0

I moderni box e cabine doccia sono commercializzati in una gamma piuttosto ampia di modelli, in cui si riscontrano differenze significative non solo in termini di dimensioni e stile, ma anche di materiali. Ciò riguarda, ad esempio, i piatti doccia, disponibili in differenti materiali la cui scelta deve essere effettuata in modo attento.

I piatti doccia saranno infatti la base su cui appoggeranno i nostri piedi, pertanto occorre scegliere un materiale resistente, durevole e sicuro; ma occorre valutare anche aspetti come l’estetica e il prezzo, naturalmente. Non è possibile stabilire un vincitore assoluto, poiché ogni materiale ha i suoi pro e i suoi contro, ma è bene ricordare che ce n’è uno in particolare che si colloca idealmente ai primi posti della classifica: l’acrilico.

Cos’è l’acrilico?

Con questo termine ci si riferisce ai polimeri termoplastici di origine sintetica contenenti acido acrilico o i suoi derivati (da qui, appunto, il nome del materiale); uno dei più impiegati è il cosiddetto polimetilmetacrilato (PMMA), che trova un largo impiego in numerosi ambiti produttivi tra cui, appunto, i prodotti per il bagno come il classico piatto doccia in acrilico.

Quali sono i vantaggi dell’acrilico?

Mentre un tempo i piatti doccia erano fatti principalmente di materiali “tradizionali”, oggi si tende a usare soprattutto l’acrilico per via dei suoi numerosi vantaggi che così possiamo sintetizzare:

Resistenza

L’acrilico è un materiale robusto e durevole nel tempo, ideale dunque per chi è alla ricerca di un investimento valido nel lungo periodo. Le caratteristiche di resistenza meccanica del materiale lo rendono in grado di sopportare gli urti e di resistere ai graffi e alle scheggiature accidentali.

Leggerezza

Rispetto ad altre tipologie di materiale, l’acrilico è relativamente leggero e ciò significa che risulterà più semplice trasportare il piatto e metterlo in posa.

Costo più accessibile

I piatti doccia in acrilico sono, in genere, più economici rispetto a quelli realizzati con altri materiali, perciò sanno venire incontro alle esigenze di chi vuole allestire in modo funzionale, ma al tempo stesso con spese contenute, il bagno di casa sua.

Comfort a contatto con la pelle

Essendo caratterizzato da una base plastica, l’acrilico a contatto con la pelle crea un minore shock termico e, a parità di temperatura, risulta più confortevole e “caldo”: grazie a esso si ridurrà il fastidio del contatto dei piedi sulla superficie fredda del piatto doccia quando l’acqua calda ha appena iniziato a scorrere.

Facilità di manutenzione

Per la pulizia dell’acrilico non occorrono particolari precauzioni: il materiale è infatti compatibile con l’impiego dei più comuni detergenti per il bagno, a patto che non si usino prodotti aggressivi o sostanze abrasive che potrebbero causare dei graffi.